CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

Archeologia

I nuraghi rappresentano la più importante testimonianza della civiltà sarda che si è sviluppata nel territorio a partire dal II millennio a.C. è costituita dai nuraghi .Questi monumenti adornano le pianure e le sommità delle colline di Cardedu. I nuraghi sono torri di pietra a pianta circolare che si restringono verso l'alto, a tronco di cono, costruite sovrapponendo grassi massi di trachite o la lava basaltica uniti tra loro senza alcun tipo di cemento secondo un sistema di tecnica costruttivo che è detto a Tholos.

Oltre i nuraghi il territorio presenta delle antiche Domus de Janas, delle piccole grotte allineate sulle pareti di roccia, secondo una vecchia credenza popolare sarebbero abitazioni di fate o di streghe: in realtà si tratta di antiche tombe ipogeiche,sotterranee, alcune risalenti al periodo tra il 3000 e il 1500 A.C., altre di età più recenti scavate sulle pareti di roccia ad una certa altezza dal piede della rupa. Questi monumenti di architettura funeraria si trovano isolati. Sono costituiti da una stanzetta di pianta generalmente tondeggianti, altre volte sono articolate in più locali con un corridoio o una più ampia stanza centrale, quasi ad imitazione delle normali abitazioni. Anche le decorazioni interne tendono a richiamare l'abitazione del defunto quasi a sottolineare una continuità tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Nella località di Cucuddadas il territorio cardedese presenta un'importante pozzo sacro denominato Su Presoneddu .

Archeologia

Pozzo sacro ''Su Presoneddu''

E' presente inoltre una antichissima chiesetta campestre della Madonna di Buon Cammino. Molto suggestiva è la festa campestre in suo onore che si svolge ogni anno alla terza domenica di settembre.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina